Ipotalamo

Anatomia dell’Ipotalamo

L’ipotalamo è una struttura nervosa facente parte del diencefalo. Può essere schematicamente diviso in:

  • parte anteriore
  • infundibulare
  • posteriore
  • laterale
  • mediale.

Compone il pavimento ed una porzione delle pareti laterali del terzo ventricolo cerebrale, ed è composto da diversi nuclei grigi, alcuni dei quali composti da formazioni di neuroni secernenti.

Dal punto di vista funzionale si riconoscono due principali gruppi di neuroni secernenti:

  • nuclei magnicellulari,sopraottico e paraventricolare, contenenti grandi cellule ad assone relativamente lungo che producono l’ossitocina e la vasopressina, riversate in circolo in corrispondenza dei terminali assonici nella neuroipofisi;
  • nucleiparvicellulari costituiti da cellule di dimensioni ridotte, capaci di elaborare ormoni peptidici, che agiscono sui diversi tipi di cellule adenoipofisarie per stimolare il loro funzionamento (Releasing Hormones) o per inibirlo (Inhibiting Hormones). Tali ormoni sono riversati nei capillari del sistema portale frapposto tra l’ipotalamo e l’adenoipofisi.

In questi nuclei viene secreto il decapeptide GnRH (Gonadotropin Releasing Hormone) che esercita il controllo generale delle gonadi, ed è il fattore di rilascio delle gonadotropine ipofisarie LH ed FSH.

Il GnRH possiede un ritmo di secrezione di tipo pulsatile, regolato strettamente da meccanismi a feedback e da altri ormoni, inoltre, l’attività dei neuroni che lo producono è modulata, attraverso meccanismi spesso complessi, da numerosi neurotrasmettitori extraipotalamici.

Le regolazioni a feedback invece sono rappresentate da un feedback ultracorto dato dallo stesso GnRH, che quando è eccedente si autoinibisce, e da un feedback corto dato dalle gonadotropine FSH ed LH.