Dotti Eiaculatori

Anatomia dei Dotti Eiaculatori

dotti eiaculatori sono brevi condotti che fanno seguito alle corrispondenti ampolle referenziali.

Presentano un primo tratto leggermente allargato in basso, detto seno eiaculatorio. Sono contenuti nella prostata che attraversano, con direzione obliqua cranio-caudale e dall’indietro in avanti, e sboccano nella parete posteriore dell’uretra in corrispondenza di un rilievo mediano longitudinale, detto collicolo seminale (veru montanum), alla sommità della quale sbocca l’orifizio dell’otricolo prostatico.

Hanno una lunghezza normalmente variabile dai 20 ai 25 mm, e il loro calibro subisce una diminuizione progressiva, passando dagli 1,5 mm del tratto iniziale agli 0,5 mm dell’estremità distale.

La superficie interna appare irregolare e pieghettata all’origine, mentre diventa liscia in prossimità dello sbocco. Le pareti sono costituite dalla mucosa, analoga a quella del deferente, e da una tonaca muscolare che, disposta in tre strati all’inizio, si riduce progressivamente ad un solo piano di fibre, mentre gli altri sono invasi da fibre muscolari, elastiche e vasi venosi, che realizzano un vero e proprio tessuto cavernoso.

La funzione dei dotti eiaculatori è esclusivamente di trasporto, mentre è stata ipotizzata unafunzione sfinterica della muscolatura liscia all’interno del collicolo seminale.